Il Caffè in Cialde

Il Caffè in Cialde

Tecnicamente si parla di caffè in cialda descrivendo un blocco di caffè macinato compresso in un due strati accoppiati di cartafiltro. Tale tipo di confezionamento garantisce costanza di qualità del caffè a parità di miscela grazie all'uniformità di dosatura, macinatura e pressatura garantita da apposite macchine cosiddette cialdatrici.

Nonostante sul mercato possano esistere diversi formati di cialde in carta, tra cui il 38 mm ed il bidose 55 mm, sostanzialmente il formato di cialde in carta adottato dalla quasi totalità dei produttori di cialde in carta e relative macchine compatibili è il formato standard ESE 44 mm (Easy Serving Espresso).

Tale standard di produzione detta precisi dimensionamenti geometrici della cialda e di grammatura, (44 mm per il diametro del blocco di caffè, 7 grammi per la grammatura a porzione) proprio per permettere la compatibilità tra macchine e cialde in carta di diversi produttori e torrefazioni, in un tipo di sistema che proprio per la peculiarità di non presentare vincoli di esclusività tra consumabile (la cialda) e il relativo apparecchio (la macchina da caffè), viene definito "aperto".

cialde ese 44mm


Tale soluzione di porzionamento del caffè permette vantaggi anche dal punto di vista ambientale in quanto la cialda una volta utilizzata può essere tranquillamente smaltita nell'umido in quanto composta da soli materiali organici come cartafiltro e fondi di caffè.

Le cialde in carta vengono confezionate singolarmente in atmosfera protetta per evitare danni al prodotto e favorire la conservazione degli aromi che il processo di ossidazione del caffè subirebbe se lasciato a contatto diretto con l'ossigeno contenuto nell'aria.

Dato il minore ingombro volumetrico sviluppato dalle cialde in carta rispetto alle capsule di solito il confezionamento delle scatole da vending per le regular blends (le miscele classiche più commercializzate) avviene per un numero non inferiore ai 150 pezzi a scatola.

Continua con Il Caffè in Capsule