Grazie!! Il tuo kit è pronto. Ora puoi aggiungerlo al carrello.

Capsule e Cialde

Capsule e Cialde

Cialde e capsule di caffè, o meglio i cosiddetti monoporzionati, hanno mostrato curve di crescita imponenti nell'ultimo decennio che ha visto l'ingresso sul mercato di nuovi e importanti player e l'allargarsi conseguenziale della scelta di tecnologie e varietà di prodotti a disposizione dei consumatori.

Sia le cialde che le capsule sono sostanzialmente delle dosi di caffè o di altri ingredienti per la preparazione di bevande, opportunamente lavorate attraverso tecniche di confezionamento che, a seconda del supporto utilizzato, andranno ad essere sfruttate da macchine appositamente progettate e costruite per rispondere ad esigenze specifiche. Subito preme fare una precisazione: mentre con il termine "capsule" si identificano solo un certo tipo di monoporzionati, spesso con il termine "cialde" invece si racchiude, anche impropriamente, tutta la famiglia di questi prodotti. Le differenze tra le cialde e le capsule, dal punto di vista tecnico, tuttavia sono ben visibili e ve le illustreremo di seguito.Cialda di caffè in cartafiltro

Cosa sono le cialde

Le cialde di caffè sono costituite da una porzione di caffè opportunamente macinato e pressato da una macchina confezionatrice anche nota come "cialdatrice", racchiusa in due fogli di cartafiltro in cellulosa (da alcuni chiamata impropriamente anche garza) e opportunamente sagomata al taglio.

Le cialde in cartafiltro con il tempo hanno subito delle evoluzioni di standardizzazione per mezzo delle quali ad oggi si possono distinguere diversi formati diffusi:

  • - Cialde Ese 44mm: il formato che fa da padrone tra tutti, sigla di Easy Serving Espresso unita al diametro in millimetri della cialda uniformato da tutti i produttori.
  • - Cialde Bidose 55mm: cialde dedicate a particolari macchine del mondo ho.re.ca. e a pochi altri modelli, propongono due caffè per ogni erogazione grazie alla cialda dalla grammatura doppia, solitamente 14 grammi. Molto poco diffuse.
  • - Cialde 38mm: formato utilizzato per macchine da caffè ormai datate, sta vedendo il sempre più veloce rimpiazzamento dal formato Ese 44mm.

La quantità di caffè presente nelle cialde in carta monodose, normalmente è quella considerata ideale per realizzare un caffè espresso, ovvero 7 grammi. Tuttavia alcuni torrefattori riescono attraverso tecniche proprietarie, ad inserire anche fino a mezzo grammo in più nelle proprie cialde (ad esempio quelle formato Ese prodotte da CentoCaffè), rendendo ovviamente la bevanda ancora più ricca e appagante.

Il confezionamento avviene quasi sempre in incarto singolo dove le cialda viene inserita in una bustina di alluminio in atmosfera modificata per la preservazione pressochè totale di tutte le caratteristiche aromatiche del caffè. Attualmente possiamo considerare questa tecnica come la migliore in assoluto per tenere al riparo il prodotto da aria e umidità e preservarne al meglio l'aroma.

Cosa sono le capsule

Di tipologia varia a seconda del sistema della macchina sulla quale dovranno essere utilizzate, le capsule di caffè sono generalmente realizzate attraverso una sorta di "contenitore" che ospiterà il macinato o l'ingrediente per la bevanda, e di un "coperchio" che garantirà la chiusura dopo l'immissione del prodotto. I materiali e le tecniche di realizzazione delle capsule sono svariati, ognuno peculiare del tipo di capsula da realizzare. Per lo stampaggio ad iniezione si usa generalmente il polipropilene foodgrade, mentre per la termoformatura si usano laminati plastici accoppiati, ed infine per alcune capsule come le Nespresso originali, si utilizza un accoppiato particolare di plastica e alluminio.Capsule di caffè in plastica e alluminio

Proprio l'utilizzo delle diverse tecniche e materiali, permettono di realizzare differenti confezionamenti successivi alla produzione della capsula. Una fase importantissima questa per la conservazione di un prodotto, il caffè all'interno della capsula, che offrendo una superficie di esposizione all'aria notevolemente superiore in quanto macinato, subisce notevoli modifiche organolettiche a seguito della sua forte igroscopia e della facilità di irrancidimento degli olii contenuti. In base al confezionamento, troviamo quindi diverse principali tipologie di capsule:

  • - Capsule confezionate singolarmente in atmosfera modificata con immissione di gas inerte: si tratta della soluzione top di gamma, il confezionamento singolo garantisce la preservazione integra degli aromi fino all'apertura della bustina.
  • - Capsule dal confezionamento multiplo in atmosfera modificata con immissione di gas inerte: soluzione ottimale in quanto la tecnica è la stessa sopra, ottima se i consumi sono frequenti e quindi impediscono di lasciare le capsule all'aria per settimane. Di conseguenza meno efficace del confezionamento singolo se i prodotti non sono consumati abbastanza velocemente.
  • - Capsule realizzate in termoformazione con film autoprotettivo: buona soluzione, soprattutto in termini di risparmio di ingombri in quanto non necessitando dell'incarto supplementare, i packaging dei prodotto sono ridottissimi in volume. Per quanto riguarda la qualità della conservazione, se si punta al meglio, sono preferibili altri sistemi.

A seconda invece del sistema in base al quale vengono prodotte, le capsule possono essere raggruppate in una serie di formati originali e compatibili idonei ad essere utilizzati ognuno con i modelli di macchine da caffè di una determinata tecnologia comunemente chiamata "sistema". La grammatura per capsula varia dai 5 agli oltre 7 grammi in base alle caratteristiche del sistema che in un riepilogo tra le più diffuse possono essere elencate:

Relativamente allo smaltimento dei prodotti, le cialde in cartafiltro trovano sicuramente l'aspetto pratico dalla loro parte rispetto alle capsule in quanto a parte l'alluminio composto dall'incarto che andrà differenziato, la cialda stessa essendo costituita di cellulosa e caffè può essere gettata nell'organico. Per quanto riguarda le capsule invece, ricordiamo che a parte alcune capsule di alcuni sistemi (pochissimi ormai) totalmente sigillate, per le altre si può facilmente procedere all'apertura della copertura della capsula già forata dalla macchina, allo svuotamento del caffè esausto nell'umido e alla differenziazione corretta dell'involucro nel differenziato riguardante plastica e metalli.

I 5 perchè del successo delle cialde e capsule di caffè

Superata la differenza tecnica tra cialde e capsule possiamo analizzare nel breve quelle che sono le caratteristiche che hanno portato al successo in tempi velocissimi, i monoporzionati di caffè ed in generale delle bevande.Statistiche vendita cialde capsule caffè

  • - Praticità e pulizia: forse le più lampanti di tutte, con cialde e capsule basta una presa di corrente e acqua potabile e siamo in grado di preparare un ottimo caffè espresso. Uffici, negozi, attività commerciali e le case private, beneficiano tutte della preparazione del caffè in maniera facile e senza sporcare.
  • - Velocità: al bando le attese, con i monoporzionati e le relative macchinette, l'espresso è pronto subito, fumante e perfetto, niente attese per acqua che bolle o per il commesso del bar di fronte che sale le scale con i caffè ormai freddi.
  • - Qualità: ormai la media qualitativa di erogazione per tutti i porzionati è salita molto grazie ad innovazioni sempre costanti in un settore in pieno fermento. L'espresso realizzato con capsule e cialde è pari a quello erogato nei bar e a volte, quando la mano del barista non è delle migliori, è palesemente superiore.
  • - Scelta: le marche di caffè in grande distribuzione sono svariate ma ormai la scelta è limitata a poche grandi marche o a torrefazioni locali, mentre i bar a portata di mano sono per forza di cose pochi. Con i porzionati potete sbizzarrirvi tra le tante torrefazioni e miscele di caffè, oltre a bevande e thè e infusi.
  • - Prezzo: nonostante si possa discutere del prezzo a consumazione all'infinito, rimane un dato di fatto: al bar un caffè costa mediamente intorno ad 1 euro, con una capsula di ottima qualità mediamente si spende anche solo 15-20 centesimi. Sono due discorsi completamente diversi sicuramente, ma se si guarda specificatamente al prodotto consumato, con capsule e cialde si spende 5 volte in meno.

 
In conclusione, ormai cialde e capsule, complice anche lo stile di vita e le esigenze dei consumatori, hanno segnato indelebilmente il passaggio generazionale dai vecchi modi di preparazione del caffè ai nuovi e più sofisticati sistemi, che grazie a macchine tecnologicamente avanzate, riescono a proporre un prodotto migliore ed a vestirlo di una comodità per molti irrinunciabile.

Quella che abbiamo assistito con l'avvento dei prodotti monoporzionati, è una trasformazione delle abitudini del nostro modo di concepire la pausa relax al pari di una piccola rivoluzione, che porta dentro le vostre case e i vostri luoghi di lavoro: professionalità, costanza di qualità e risparmio di tempo e denaro, tutto ciò con i pochi semplici gesti con i quali si consuma un caffè in cialda o in capsula.

Oggetti 1 a 12 di 576 totali

per pagina

48

Oggetti 1 a 12 di 576 totali

per pagina

48